Indennità 200 euro anche per infermieri liberi professionisti

0
170

Per gli iscritti all’Enpapi, la cassa di previdenza degli infermieri, la domanda deve essere presentata esclusivamente in via telematica

Pubblicato nei giorni scorsi in Gazzetta Ufficiale il Decreto emanato dal Ministero del Lavoro di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze che definisce condizioni, regole e modalità di accesso al bonus di 200 euro per i lavoratori autonomi. Si tratta di un’indennità che va ad aggiungersi a quella prevista per i lavoratori dipendenti, i pensionati e altre categorie, riconosciuta una tantum ai lavoratori autonomi e ai professionisti a determinate condizioni.

Può richiedere il bonus chi nel 2021 ha maturato un reddito complessivo non superiore a 35.000 euro

I professionisti devono essere iscritti all’INPS o agli altri enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza e nel periodo di imposta 2021 devono aver percepito un reddito complessivo non superiore a 35.000 euro. Nel caso in cui il reddito, non abbia superato i 20.000 euro, spetta un’integrazione aggiuntiva di 150 euro, per un totale di 350 euro. Sono esclusi coloro che abbiamo percepito, sotto altro titolo e per altre motivazione, il bonus come lavoratori dipendenti, pensionati o altre categorie di soggetti.

Come inoltrare la richiesta per chi è iscritto alla gestione Enpapi

Per gli iscritti all’Enpapi, la cassa di previdenza degli infermieri, la domanda deve essere presentata esclusivamente in via telematica, attraverso la sezione dedicata attiva all’interno dell’Area Riservata, denominata “Indennità 200 euro”. La sezione è la stessa sia per la richiesta dell’indennità pari ad euro 350 sia per la richiesta dell’indennità pari ad euro 200: il riconoscimento dell’importo verrà valutato automaticamente in base alla fascia reddituale indicata nella compilazione del form.

Si può fare richiesta fino al 30 novembre

Nel caso in cui sia attiva contemporaneamente l’iscrizione a una delle gestioni previdenziali dell’Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS) e ad ENPAPI, l’istanza dovrà essere presentata esclusivamente all’INPS. Sarà possibile presentare la domanda per il riconoscimento dell’indennità una tantum dalle ore 12.00 del 26 settembre 2022 al 30 novembre 2022. Alla domanda è necessario allegare documento d’identità in corso di validità e Codice Fiscale. L’Ente procederà secondo l’ordine cronologico delle domande presentate e accolte.