Ricette mediche, in Toscana anche quelle “bianche” diventano elettroniche

0
122

Invio per sms o email anche per i farmaci non rimborsati dal servizio sanitario

Anche le ricette ‘bianche’, quelle che prescrivono farmaci non rimborsati dal servizio sanitario, in Toscana diventano elettroniche. Una semplificazione ulteriore, figlia dei mesi della pandemia e del lockdown, quando in Toscana erano state dematerializzate tutte le ricette “rosse”. Un sistema rodato: 61 milioni e 783.020 sono stati i messaggi sms gestiti da marzo 2020 fino a oggi dalla piattaforma sviluppata dalla Regione.

Basta un codice per prenotare visite ed esami 

Il servizio sulle ricette “bianche”, valido anche anche per quelle ripetibili o a scadenza, è partito da pochissimi giorni e sono già 15 mila i codici emessi. Se prima, quindi, era necessario passare dall’ambulatorio per ritirare la ricetta e con quella andare in farmacia o chiamare il Cup per prenotare visite o esami specialistici, adesso il medico prescrive e il paziente riceve per sms (o per email) un codice con cui procedere.

Le ricette mediche prescritte in Toscana spendibili in tutta Italia

Inoltre, i numeri di ricetta elettronica sono collegati al circuito nazionale: le ricette elettroniche toscane sono perciò spendibili anche fuori regione. Nel caso in cui un cittadino abbia bisogno di farsi prescrivere un medicinale dal proprio medico, ma si trova in un’altra regione, può recarsi in farmacia con il sms o l’email ricevuta e quelli varranno, ovunque in Italia, come fossero una ricetta cartacea.