Biotecnologie, approvato lo statuto della Fondazione Biotecnopolo di Siena

0
90

La Fondazione ha lo scopo di promuovere e sviluppare la ricerca applicata e l’innovazione anche ai fini del contrasto alle pandemie

«Una vittoria per la Toscana, per la comunità scientifica nazionale e per quella internazionale». Commenta così il presidente della regione toscana Eugenio Giani l’approvazione dello Statuto della Fondazione Biotecnopolo di Siena, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 26 agosto dopo il via libera del Governo. La Fondazione, di cui sono membri fondatori il Ministero Economia e Finanze, quello dell’Università e Ricerca, della Salute e dello Sviluppo Economico, nasce con lo scopo di promuovere e sviluppare la ricerca applicata e l’innovazione nel campo delle biotecnologie e delle scienze della vita, anche ai fini del contrasto alle pandemie.

La Fondazione svolge anche funzioni di hub antipandemico, per la ricerca, lo sviluppo e la produzione di vaccini ed anticorpi monoclonali

Inoltre, svolgerà funzioni di promozione e di coordinamento delle attività di studio, di ricerca, di sviluppo tecnico-scientifico e di trasferimento tecnologico e dei processi innovativi ai fini del contrasto alle pandemie attraverso una propria e dedicata articolazione denominata «Centro nazionale anti pandemico-Cnap». La Fondazione svolge anche funzioni di hub antipandemico, avvalendosi di centri spoke e delle reti di sequenziamento dei patogeni virali, per la ricerca, lo sviluppo e la produzione di vaccini ed anticorpi monoclonali per la cura delle patologie epidemico-pandemiche emergenti.

Giani: «un riconoscimento ai rapporti costruiti con le imprese toscane del settore, alla qualità della ricerca nel sistema sanitario regionale»

«L’approvazione dello Statuto premia anche la strategia di sostegno della Regione alla Fondazione Toscana Life Sciences che fa parte della Fondazione Biotecnopolo – prosegue Giani -.Un riconoscimento ai rapporti costruiti con le imprese toscane del settore, alla qualità della ricerca nel sistema sanitario regionale e alla costruzione di un ecosistema sulle scienze della vita premiato anche dal Pnrr – Tuscany Health Ecosystem, grazie alla Università toscane – fino alla futura disponibilità di una piattaforma logistica di distribuzione di farmaci e di logistica industriale chiamata Toscana Pharma Valley».

Toscana Life Sciences avrà la possibilità di aderire al progetto assumendo la qualifica di “nuovo socio fondatore”

Secondo lo Statuto pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 26 agosto 2022, la Fondazione Toscana Life Sciences avrà la possibilità di aderire al progetto assumendo la qualifica di “nuovo socio fondatore” previa la stipula di un atto convenzionale. Per quanto riguarda il capitolo delle risorse dedicate, si tratta di 9 milioni di euro nel 2022; 12 milioni nel 2023 e 16 milioni di euro a decorrere dal 2024. Inoltre, il Cnap (Centro Nazionale Anti pandemico), che sarà parte del Biotecnopolo, riceve 340 milioni di euro di finanziamenti fino al 2026 secondo quanto disposto dalle azioni complementari del Pnrr.