Hospice pediatrico, iniziati i lavori per Casa Marta. È la prima struttura di questo tipo in Toscana

0
112

La Toscana avrà per il 2024 il primo Hospice pediatrico, destinato ad accogliere i bambini che necessitano di cure palliative e i loro familiari. Si chiama Casa Marta e nascerà dalla ristrutturazione di un edificio in Via Cosimo il Vecchio a Firenze. Sorgerà all’interno della ex-Casa Benelli, messa a disposizione dalla Fondazione Solidarietà Caritas Onlus. Il progetto è sostenuto dalla Fondazione Casa Marta con il contributo di Fondazione Cassa Risparmio Firenze. Main partner, AOU Meyer e Regione Toscana.

Il completamento è previsto entro la fine del 2023, nel 2024 l’avvio

I lavori sono partiti nei giorni scorsi, con la possa simbolica dei primi 3 mattoni della Casa. Il completamento è previsto entro la fine del 2023, nel 2024 l’avvio.  Il cuore del progetto – che si estende su 500mq –  saranno le unità abitative. Veri e propri monolocali indipendenti, pensati in modo da creare un ambiente confortevole e familiare, e corredati da spazi comuni,  destinati alle attività di supporto e alla convivialità, Ci saranno una biblioteca, la stanza della musica e uno spazio destinato allo psicodramma. Un ampio giardino terapeutico di 930 mq circonda tutta la struttura e sarà fruibile 365 giorni all’anno grazie ad una pergola bioclimatica.

A breve distanza dal Meyer, sarà il primo hospice pediatrico della Toscana

Casa Marta sarà il primo hospice pediatrico della Toscana, una struttura che farà da ponte tra l’ospedale e il domicilio, destinato a brevi soggiorni di bambini con patologie cronico-complesse e malattie inguaribili. La struttura potrà ospitare anche bambini nelle fasi più critiche della malattia, offrendo assistenza medico-infermieristica in modo da garantire la migliore qualità di vita possibile e offrendo alle famiglie adeguato sostegno psicologico. A breve distanza dal Meyer e collegato funzionalmente con l’ospedale, sarà un ambiente confortevole e familiare ma al contempo capace di garantire cure altamente specializzate ai piccoli pazienti.

La nuova struttura diventerà il nodo fondamentale della rete territoriale per il paziente pediatrico

«Si stima che, nella sola Toscana, circa 4mila bambini e adolescenti affetti da malattie complesse o inguaribili siano eleggibili alle cure palliative – si spiega in una nota -: l’obiettivo di Casa Marta è quello di contribuire a dare una risposta a questo urgente bisogno, essendo la prima struttura residenziale specifica per i più piccoli. La nuova struttura,  presente nella programmazione sanitaria regionale, risponde all’avanguardia alle indicazioni nazionali e diventerà il nodo fondamentale della rete territoriale per il paziente pediatrico». Ma si pone anche l’obiettivo di essere punto di riferimento per attività di studio, ricerca e pratica clinica per gli studenti universitari in formazione nelle cure palliative pediatriche.