Carenza di sangue: l’appello di Opi Firenze Pistoia alla donazione

0
140

Donare sangue significa salvare la vita di molte persone, alcune delle quali affette da patologie poco comuni. Soprattutto in un momento come questo, in cui nella nostra regione si registra una carenza di sacche, la donazione diventa un gesto di solidarietà fondamentale: dato che non esiste un sostituto del sangue, chi ne ha bisogno può contare solo sulla solidarietà e generosità dei donatori.

«La donazione del sangue è una procedura sicura e gratuita – ricordano da Opi Firenze Pistoia -. Si tratta di un procedimento non dannoso per la salute e che non espone assolutamente a contagio di malattie. Le donazioni vengono effettuate utilizzando dispositivi sterili e monouso. Inoltre, ogni volta che si dona, i Centri effettuano un controllo del nostro stato di salute, attraverso la visita sanitaria e gli esami di laboratorio».

 

Chi può donare il proprio sangue?

Chi desidera diventare donatore deve essere sano, avere compiuto 18 anni, pesare almeno 50 Kg e non avere comportamenti a rischio per le malattie trasmissibili col sangue. Sono condizioni che rendono impossibile la donazione l’abuso di alcool, l’assunzione di droghe, i comportamenti sessuali a rischio, le infezioni da HIV e i virus epatici.

 

Come funziona la donazione?

Per procedere alla donazione è sufficiente recarsi ai punti di raccolta sangue con documento identificativo. Si procede quindi alla compilazione di un questionario, utile a fornire una serie di notizie in merito alla propria salute, e a dare il proprio consenso alla donazione e agli esami di controllo a questa abbinati. Infine, si viene visitati da un medico che decide l’idoneità alla donazione.

 

Ogni quanto è possibile farlo?

Per gli uomini sono previste al massimo quattro donazioni di sangue intero all’anno (ogni 3 mesi); le donne possono donare invece due volte l’anno (ogni 6 mesi). La frequenza delle donazioni di plasma o di piastrine è invece uguale per entrambi i sessi e gli intervalli di donazione variano a seconda della tipologia di donazione. Il donatore ha diritto ad astenersi dall’attività lavorativa per la giornata nella quale avviene la donazione.