Gli anziani delle Rsa protagonisti a Radio Toscana

0
208

Ha preso il via “Una canzone per te”, l’iniziativa ideata da Opi Firenze Pistoia

È partita questa settimana l’iniziativa “Una canzone per te” che vede coinvolti Radio Toscana e Opi Firenze-Pistoia. Grazie alla novità è possibile dedicare una canzone in radio agli anziani ricoverati nelle Rsa, regalando loro un’emozione in questo momento in cui le distanze sono obbligate. L’iniziativa dell’Ordine interprovinciale delle professioni infermieristiche Firenze–Pistoia prevede che i parenti delle persone ricoverate nelle Rsa delle province di Firenze e Pistoia, tramite Radio Toscana, possano dedicare loro un messaggio attraverso una canzone, contattando la radio tramite Whatsapp al numero 335.6063737. Nel messaggio occorre specificare il nome del parente a cui si intende fare la dedica e l’Rsa in cui è ricoverato. L’appuntamento va in onda due volte a settimana, il lunedì e il mercoledì (alle 9.35), nell’ambito del programma “Masti Sciò”, condotto da Alessandro Masti.

L’Ordine interprovinciale delle professioni infermieristiche Firenze-Pistoia, situazione emergenziali permettendo, si attiva via via per collaborare con la radio e comunicare la dedica ricevuta, provando a farla ricambiare dal paziente, in diretta o in modalità registrata, a seconda della possibilità.

Il primo appuntamento, lo scorso 3 febbraio, ha visto protagonista Villa Gisella e la 96enne Giuseppina che ha ascoltato e ricambiato in diretta la dedica della figlia Sandra.

«L’assistenza infermieristica racchiude l’aspetto professionale ma anche quello umano – spiega il presidente di Opi Firenze-Pistoia Danilo Massai –. Proprio in questi mesi il ruolo degli infermieri nelle Rsa è diventato ancor più importante, non solo per l’aspetto legato alle cure ma anche per la parte che vede gli infermieri impegnati come tramite affettivo con gli affetti dei pazienti all’esterno della struttura. E questa iniziativa rimarca proprio questo, donando un’emozione a chi è impossibilitato a viverla di persona».

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here