“Stop Covid”: il fumetto interattivo che educa ai comportamenti da seguire

0
199

Il progetto della Ausl Toscana Centro per raggiungere con semplicità i cittadini

Un fumetto interattivo per educare i cittadini sui comportamenti da seguire in tema di Covid-19. Si chiama “Stop Covid” ed è l’idea lanciata dall’Ausl Toscana Centro per raggiungere con semplicità i cittadini, attraverso la storia di una famiglia tipo. Si tratta della prima iniziativa di questo tipo realizzata da un’azienda sanitaria con l’obiettivo di illustrare, attraverso i suoi disegni, i comportamenti da adottare, le indicazioni da seguire, i contatti da attivare per affrontare casi di positività.

Un’idea della Ausl Toscana centro con il team della centrale operativa Covid

Il fumetto nasce da un’idea della Direzione Aziendale, in collaborazione con il team della centrale operativa Covid, creata recentemente nella palazzina 34 di San Salvi a Firenze. È costituita da un team di operatori del Dipartimento delle professioni tecnico sanitarie con il compito di fornire supporto organizzativo alla Direzione Sanitaria dell’Azienda USL Toscana Centro nella gestione dell’attività al fine del contenimento dell’emergenza Covid19.

«Il cuore pulsante del team multidisciplinare è l’aver sperimentato sul campo la necessità di rispondere ai bisogni dei cittadini attraverso un linguaggio semplificato, meno tecnico e diretto – sottolinea Alessio Colzi, membro del team centrale operativa Covid -. Le storie dei protagonisti proiettano il lettore nei possibili scenari riguardanti: comportamenti da tenere in caso di positività; prescrizioni di quarantena; fine isolamento; effettuazione tamponi rientri a scuola».

I personaggi e le situazioni raccontati dal fumetto “Stop Covid”

Nella storia si susseguono diversi personaggi. Il bambino che manifesta sintomi a scuola e viene attivata la procedura Covid-19 dal referente scolastico, la mamma con sintomi che contatta il suo medico di famiglia per la prescrizione del tampone molecolare e risulta positiva. Il padre contattato dal servizio di igiene pubblica in quanto risulta contatto stretto, la nonna a cui il medico prescrive il tampone domiciliare. Infine viene descritto anche il caso “contatto del contatto”.

All’interno del fumetto sono presenti anche le figure professionali coinvolte nella gestione di questa emergenza sanitaria. Dal medico e pediatra di famiglia agli operatori sanitari del dipartimento di prevenzione. Un piccolo glossario riepiloga infine la terminologia utilizzata in epidemiologia. Oltre ad indicare i servizi attivi in azienda sanitaria per effettuare il tampone.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here